Pieni voti a Siap+Micros spa nel rating di legalità

Comunicazione ufficiale dell’AGCM

Lo scorso 14 giugno l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato l’assegnazione della terza “stelletta” nel rating di legalità alla nostra azienda, il punteggio massimo.
Il rating di legalità, previsto dall’art. 5-ter del Decreto Legge n. 1/2012 e s.m.i. è una sorta di strumento di misura della legalità delle imprese, finalizzato a premiare quelle che agiscono nel rispetto della legge e che si dotano di sistemi anticorruzione e di codici etici di autoregolamentazione. Come si può leggere nel Sito ufficiale dell’Antitrust, possono richiedere l’attribuzione del rating le imprese (sia in forma individuale che societaria) che soddisfano cumulativamente i seguenti requisiti:

– sede operativa in Italia;
– fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio chiuso nell’anno precedente a quello della domanda;
– iscrizione nel registro delle imprese da almeno due anni alla data della domanda;
– rispetto degli altri requisiti stringenti e sostanziali richiesti dal Regolamento.

Tale riconoscimento prende la veste di un punteggio compreso tra un minimo di una e un massimo di tre “stellette”. L’impresa richiedente ottiene il punteggio base ★, qualora rispetti tutti i requisiti di cui all’articolo 2 del Regolamento attuativo in materia di Rating di Legalità. Il punteggio base potrà essere incrementato di un “+” per ogni requisito aggiuntivo che l’impresa rispetta tra quelli previsti all’art. 3 del Regolamento. Il conseguimento di tre “+” comporta l’attribuzione di una stelletta aggiuntiva, fino a un punteggio massimo di ★★★.
La funzione premiale del rating di legalità consiste nel garantire alle imprese più “virtuose”: migliori condizioni di accesso alle gare per gli appalti pubblici, migliori valutazioni da parte del sistema bancario per l’accesso al credito d’impresa, concessione di finanziamenti pubblici.
Alla data attuale Siap+Micros spa è una delle 7 aziende trevigiane ad aver ottenuto le tre stellette ★★★.

Screenshot del sito dell’AGCM